Politica e psicologia inversa

Napolitano, Monti, D’Alema, Brunetta, Fassina e un po’ anche Renzi hanno in comune una cosa, quella di far venire voglia di fare l’esatto contrario di quello che dicono.

I vari responsabili delle campagne elettorali/referendarie dovrebbero pensare di utilizzarli come effetto di psicologia inversa.

Quelli del no ingaggiamo quelli che dicono si e viceversa….

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn