Rossoblu o blucerchiati. Il fango senza maglia.

A Genova, dopo solo tre anni un nuovo disastro, una nuova alluvione.
La magistratura indagherà.
Qualcuno pagherà?
Ma non è questo che è interessante. Non lo è neanche discutere sulla imbarazzante burocrazia italiana, sul nostro ingessato sistema pubblico, sulla cialtroneria di una certa italianità.
Interessanti sono un certo tipo di persone, quelle che si rimboccano le maniche e fanno qualcosa, quelli che silenziosamente, senza aspettare nessun intervento divino si danno da fare.

A Genova molti giovani sono scesi sulla strada e hanno cominciato a spalare contribuendo al ritorno ad una specie di normalità.
Questa cosa è davvero interessante, persone di ogni tipo che si sentono coinvolte in qualcosa di più grande e senza nessun tipo di guadagno personale si mettono a disposizione di chi ha bisogno. Perché lo fanno?
Perché altre persone incaricate di sistemare e prevenire questo tipi di problemi  invece non lo fanno?
Boh, mistero del genre umano.

Come un mistero è anche un certo tipo di giornalismo che, tra tutte le storie che un evento di questa entità genera, si sofferma stupito a raccontare, della fratellanza e solidarietà tra genoani e doriani.

Ma ci considerano davvero così poco? Al pari del parco buoi borsistico.
Ma davvero qualcuno può pensare che di fronte ad una tragedia del genere ci sia gente che pensa alla squadra del cuore?

Perché accettiamo questa sciatteria?
Perché non pretendiamo qualcosa di più?
Perché accettiamo questo nulla (vuoto) siderale?
Come facciamo a non avere la nausea sentendo queste cazzate, che unite a quelle dei politici di turno dovrebbero provocarci conati di vomito. Sempre le stesse cose:  “non vi lasceremo soli” “non vi abbandoneremo””noi avevamo previsto….” “noi avevamo proposto…” ecc. ecc.

Genova va ripulita e il fango che adesso la ricopre trasferito a casa di qualcuno che doveva fare e non ha fatto e che adesso ha anche la faccia tosta di parlare.

Io abito in un posto che, precisamente un anno fa, ha avuto lo stesso problema di Genova, ed esattamente come nel capoluogo ligure, da allora niente è stato fatto, nessun intervento, nessuna sistemazione, tante belle parole ma nessun tipo di aiuto per i cittadini coinvolti loro malgrado..