L’Italia e gli omini col cappello che guidano

L’ultimo show offerto dai nostri onorevoli (la enne volutamente minuscola), il branco che si scaraventa giù per le scale tentando di scalare i banchi verso la presidenza con i questori che rispondono con le manate, dovrebbe aver definitivamente chiarito, anche a quei pochi che ancora non l’avevao chiaro, che i “nostri rappresentanti” sono effettivamente una proiezione del popolo.
Livorosi, rancorosi, invidiosi, sospettosi, miseri, furbi, arroganti, ignoranti, aggressivi, intolleranti.

Ogni giorno sembra che ci sia una gara a chi è il peggiore.

Faccio veramente fatica ad individuare qualcuno che si eleva, anche solo qualcuno che mi faccia pensare che perlomeno in un determinato argomento o settore ne sappia più di me.

Ecco il grande disastro del nostro paese, sono come noi quando invece dovrebbero essere migliori di noi.
Le cariche dello Stato devono essere occupate da un elite, da gente che qualche qualità, talento o illuminazione dovrebbero averla.

I piloti in genere sono quelli più abili alla giuda, non un qualsiasi omino col cappello.