Da Prodi a Monti, passando da Berlusconi con due costanti: I sacrifici e lo Yeti

Tutti ad aspettare la manovra del governo Monti, Irpef, Ici, patrimoniale, pensioni, cambiano le facce ma le parole sono sempre le stesse.
La cosa davvero singolare è che ci sia in giro qualcuno che spera ancora nella ricetta magica, il colpo di genio che risolve la crisi (mondiale, di sistema). Questo esecutivo di tecnici, messo lì in piena emergenza, in due settimane, dopo decenni di malgoverno e cialtronerie, farà come quelli che l’hanno preceduto, la cosa più semplice, chiedere soldi alla gente “normale”.
Il mitico decreto sviluppo, quello che riempie la bocca è come lo Yeti, leggenda!

Sacrifici per entrare nell’Euro, sacrifici per restarci, ecco la parola giusta per tutte le stagioni, trasversale, destra-sinistra-centro, sacrifici!

Vedi anche:
Enrico Brignano e i costi della politica
Alessandro Baricco alla Leopolda 2011- Big Bang: Il Re è nudo
Inciampare nella decadenza
Il governo ha manovrato
La povera senatrice Allegrini
La trasversalità dell’Iva
Evasione fiscale. Delatori/spioni