Tabacci mette alla prova Pisapia. Altrimenti Grillo…

E poi quando si dice che sono tutti uguali. Bruno Tabacci appena entrato nella nuova giunta di Milano pone dei dubbi sull’opportunità di dimettersi da parlamentare: “Andrei a Roma solo il martedì per il voto e mercoledì. Il resto del tempo lo passerò a Milano, anche il sabato mattina.”

Complimenti signor Tabacci, complimenti per il rispetto che mostra nei confronti del Parlamento e dell’utilità dei parlamentari e complimenti per il rispetto che ha per il mandato che gli elettori, vecchi e nuovi, gli hanno dato.
Cosa ce ne facciamo di un parlamentare a due giorni a settimana e di un’assessore a tre giorni e mezzo? Per non parlare poi degli stipendi, cosa fa se li dimezza (minimo)?

Sindaco Pisapia faccia davvero qualcosa di nuovo, fresco, altrimenti sarà ancora “tutto cambia perchè nulla cambi” e Beppe Grillo aveva visto giusto.