Marco Simoncelli. Il Pirata in Moto GP

Super Sic stavolta non fa neanche un giro, alle 3° curva va giù e sulla ghiaia ci porta anche Lorenzo. Dopo l’ennesima vigilia da numero uno, dopo aver conquistato una grande pole position il giorno della raccolta, il giorno della gratificazione per il lavoro svolto porta solo delusioni e critiche velenose. Evidentemente Simoncelli un problema con il giorno della gara ce l’ha, che sia la pressione di partire con i favori del pronostico, (in effetti oggi, dopo la caduta, con la moto danneggiata, all’ultimo posto con più nulla da perdere porta a termine la gara con un ottimo 9° posto), la frenesia e la fretta di arrivare alla prima vittoria in moto GP, sarà forse qualche altra cosa o magari solo sfortuna, ma una cosa è certa e sicura, il talento cristallino di questo ragazzo, l’unico pilota italiano, insieme a Valentino, al livello dei vari fenomeni del momento quali l’ex rolling-Stoner, l’ex assaggiatore di asfalti Lorenzo o camomillo Pedrosa.

Dai Sic, forse è tutto un disegno più grande, forse è solo il destino che finora si è divertito a prolungare oltremisura l’appuntamento con la vittoria, forse perchè la tua storia in qualche maniera deve cominciare dall’Italia. Per il Mugello ti suggerirei un casco con teschio e tibie incrociate. Il riccioluto pirata del paddock.