Internet e l’apocalisse

Tra le altre cose, internet, amplifica sensazioni e percezioni da tragedia globale imminente. Probabilmente i terremoti, tsunami e catastrofi naturali ci sono sempre stati come adesso, ma con la rete sembra che succedano più frequentemente e ogni volta un po’ più forti.
Non facciamo in tempo a digerirne uno che già se ne presenta un’altro più impressionante e devastante. Se poi a questa sensazione ci abbiniamo qualche teoria o profezia da fine del mondo il gioco è fatto.
I Maya non possono non aver ragione.

Certo che quello che succede in Giappone assomiglia molto all’apocalisse…