Benzina alle stelle. L’Agip ci lascerà per sempre.

Della serie il mondo che cambia, e visti gli avvenimenti nei paesi del Nord-Africa quanto mai attuale. Il 15 marzo il marchio Agip ci lascerà. E’ infatti previsto per tale data il definitivo cambio di insegne in tutti i distributori del mitico cane a sei zampe, da Agip diventeranno Eni.
Il processo di privatizzazione, innanzi tutto, e il sistema mercato, sempre più competitivo, hanno reso poi questo cambiamento quanto più necessario e hanno portato l’azienda a ripensare se stessa come un’unica entità, che opera sì in settori molteplici, ma parla con un solo nome e un solo marchio è la motivazione dell’operazione.

Ma quanto sarà costata questa operazione? Ma non era più semplice e più gratificante bloccare i prezzi dei carburanti invece di far smontare e rimontare tutte le stazioni di servizio italiane.
Ma chi se ne frega del solo nome e del solo marchio?