Oscar Wilde e l’algoritmo di Google.

“Ricordate che è sempre molto meglio si parli di voi, piuttosto che non se ne parli”
Oscar Wilde più moderno di Google.
Il motore di ricerca infatti ha recentemente cambiato il proprio algoritmo proprio per evitare che siti web accrescano popolarità e visibilità nei risultati delle ricerche dalla pubblicità negativa ricevuta attraverso link di lamentele e reclami.