Lele Mora rappresenta anche gli invasori di stadi

La cosa più strana, nella già strana vicenda di Mario Ferri l’invasore degli stadi, non è quella di essersi recato, nonostante fosse agli arresti domiciliari, negli Emirati Arabi Uniti per compiere la sua impresa durante la finale del mondiale per club, Inter – Mazembe, e per questo tuttora trattenuto in un carcere di Abu Dhabi, e neanche quella di avere la maglietta piena di sponsor, ma quella di avere un agente, Lele Mora.
Della serie, un agente non si nega a nessuno o meglio, senza agente non sei nessuno.