Droga al concerto: assolto

Un uomo è stato assolto dall’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti (hashish) ai fini di spaccio anche se la dose, con la quale è stato trovato, superava i limiti previsti per il consumo personale.
E’ successo a Genova, dove il giudice ha prosciolto il reo “perché il fatto non costituisce reato”.L’avvocato difensore ha sostenuto, davanti al giudice, che un concerto rock è un’occasione “particolare” e una dose un po’ più “sostanziosa” di stupefacente può essere fatta passare come “personale”.
Superando la discussione sul tipo di roba, su quanto sia dannosa o meno, sul fatto che l’alcool sia più dannoso del fumo ecc ecc, tutti bei discorsi, la sentenza ha dell’incredibile.
Ma in Italia esistono delle leggi non modellabili o bisogna incrociare le dita e sperare che il giudice di turno sia dell’umore giusto?
Quali sono le vostre “occasioni speciali” per le quali vi occorre un aiuto (di qualunque genere) extra?